Campo di nocciole curato da persone con problemi psichiatrici in Cilento

Sì, avete letto bene: un campo di nocciole curato da pazienti con problemi psichiatrici. Succede in Cilento a TORRE ORSAIA.

Quali sono le attività? Piantano alberi, li annaffiano, li concimano, tagliano l’erba; operazioni semplici ma delicate. Ma chi sono? Sono i contadini “speciali” del Sir di Castel Ruggero, una struttura residenziale dell’unità operativa di salute mentale dell’Asl Salerno.

In totale sono circa 10 persone e da pochi giorni si stanno occupando della coltivazione di un’enorme distesa di nocciole in località San Biase, nel Comune di Torre Orsaia. Sono persone particolari perchè hanno problemi psichiatrici, ma anche tanta voglia impegnarsi, di riscattarsi, di rendersi utili. La miglior cornice non poteva essere quella di renderli protagonisti di uno straordinario progetto di agricoltura sociale inaugurato alcuni giorni fa, a pochi metri dal centro, alla presenza del vescovo della diocesi di Teggiano-Policastro monsignor Antonio De Luca, del direttore del dipartimento di salute mentale dell’Asl Giulio  Corrivetti e del direttore dell’unità operativa  di Sapri-Sant’Arsenio Antonio Mautone.

Queste notizie sono sempre molto emozionanti! Seguiremo gli sviluppi 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares