Finanziamenti in Agricoltura: bando a fondo perduto per i giovani che intraprendono l’attività agricola.

Il settore dell’agricoltura sociale sta crescendo e questo bando è una delle prove principali: giovani che decidono di intraprendere l’attività imprenditoriale concentrata sull’agricoltura, nelle varie regioni d’Italia, potrà usufruire di un grande beneficio grazie alla programmazione PSR 2014/2020 cioè finanziamenti in agricoltura. Vediamo i dettagli, chi può beneficiare di questo bando e come ottenerlo.

Misura 6.1 Aiuto all’avviamento di imprese per i giovani agricoltori.

L’aiuto che le Regioni mettono a disposizione ai giovani imprenditori che, tramite un ruolo imprenditoriale vogliono mettersi in gioco nell’ambito agricolo-sociale, è un premio finanziario che permette lo sviluppo e la costituzione di imprese competitive, che si occupano di rispetto ambientale ed inclusione nel territorio rurale.

Per poter ottenere questi obiettivi verranno forniti dei pacchetti aziendali integrati, che questo programma ha già previsto applicando diverse misure, così da poter agevolare un piano aziendale.

Il premio per il finanziamento delle spese sostenute dal giovane agricoltore imprenditore può essere erogato in 3 differenti modalità:

  1. conto capitale;
  2. conto interessi;
  3. combinazione del punto 1 e 2 nel rispetto dell’importo massimo del premio all’insediamento

Nel pacchetto giovani è possibile attivare, oltre alla misura sopracitata, anche la sottomisura 4.1 che prevede il sostegno per immobilizzazioni materiali, la sottomisura 4.4 che sostiene anche investimenti non produttivi e la 6.4 che mira alla diversificazione delle attività imprese agricole.

Chi sono i beneficiari

Coloro che potranno usufruire di questo finanziamento, sono giovani agricoltori che si insediamo per la prima volta nel settore agricolo-sociale tramite un’azienda agricola in qualità di capo e con le idee e responsabilità imprenditoriali che si ottengono dalla nascita di una nuova idea; è necessario avere i seguenti requisiti:

  • Età compresa tra i 18 e i 40 anni compiuti al momento della presentazione della domanda;
  • Deve aver necessariamente frequentato la scuola dell’obbligo;
  • Avere una conoscenza e competenze professionale che sia adeguata ed in linea con la richiesta.

I primi due punti sono necessari ed obbligatori al momento della presentazione della domanda, mentre per il 3° punto, che è possibile non soddisfare, le Regioni offrono una tempistica di non oltre i 36 mesi (quindi 3 anni) per poter preparare il piano aziendale che prevede:

• Il coordinamento delle diverse misure aziendali in previsione di un futuro sviluppo;
• Assunzione della responsabilità fiscale e civile attraverso la costituzione dell’azienda agricola mediate atto pubblico dove figurano risorse come il titolare, socio e amministratore tutti con varie responsabilità.

Gli impegni da seguire

Ogni finanziamento ha delle semplici e precise regole da seguire:

  1. condurre l’attività agricola imprenditoriale per almeno 5 anni dalla data di costituzione;
  2. Seguire la formazione e consulenza che le sottomisure 1.1, 1.2 e 2.1 emanano;
  3. Essere agricoltore effettivo entro 18 mesi dalla data di insediamento;
  4. Entro 36 mesi acquisire e soddisfare la qualifica di imprenditore agricolo di cui alla D. Lgs. 99/2004

A questo link dove il bando è spiegato nei minimi dettagli, potete trovare tutte le aliquote e gli importi che ogni Regione mette a disposizione ai giovani agricoltori:

Agricoltura Finanziamenti.

Inoltre troverete anche un form dove è possibile, in sintesi, fornire la propria idea imprenditoriale.

Il mondo dell’agricoltura è davvero molto vasto ma può essere un modo per fare un salto di qualità ed aprire una nuova realtà al mondo intero migliorando la propria qualità di vita.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Shares